mercoledì 14 settembre 2016

14 TË SHTATORIT Lartesimi i Krjkies


Ant. I
O Perëndì, Perëndia jim, gjegjëmë, përçë më le?
Për parkalesitë të Mëmës t’ënde, o i Madh’in’Zot, shpëtona.
Lëvdì...nani…Për parkalesitë....
Ant. II
Përçë, o Perëndì, na ke mbajtur llargu Teje për gjithëmonë? Përçë dhizet mbëria jote mbi delet Të ushkjimit
t’ënt?
Shpëtona, o i Biri i Perëdìs, o Ti cë në kurm kleve vunë ngrikjë, neve çë të këndojëm Allilùia.
Lëvdì... nani...o i vetëmi Bir e ....
Ant. III
In ’Zot rregjiëròn, le të zëmbëronen popujit; Aì rri ujur mbi Hjeruvimtë, le të shkundet dheu!
Apol.
Shpëtò, o Zot, popullin t'ënt e bekò trazhgimin t'ënt; jipi Kjiveritarëvet mundie mbi armikjët, e paj Krikjes
t'ënde ruaj Ti të krështerët t'atë.
Isodikon
Lartësoni t'ën'Zonë Perëndìn t'ënë, e përmisij nënkëmbies e këmbëvet të Tij,se Aì isht shejt.
Shpëtona, o i Biri i Perëdìs...
Kont.
O i Lartësuar në Krikjie tue dashur, rregjërìs së ré çë ka embrin t'ënt lipisìt t'ote dhuroi Ti, o Krisht Perëndì,
dëfré me fukjìn t' ënde kjiverritarët t'anë tue dhënë atireve mundie kundra armikjëvet. Paçin atà ndihmën
t'ënde, si armë pakjie, trofè të pamundëshëm.
Trisajon
Krikjen t'ënde proskjinisiëm, o i madh'in'Zot, e Ngjallien t'ënde të shejte lëvdojëm. (Tri herë)
Megalinarion
Ti, o Mëme e t'in'Zoti, je Parraisi mistìkë, çë pa klënë shërbier, na dha Krishtin paj të çilit kle vunë në dhe
Druri i Krikjies çë jep gjellë; andai nanì me lartësimin tue prokjinisur Atë, madhërojëm Tij.
Kjinonikon
U dëftua mbi ne drita e fakjes s'ate, o i madh' in' Zot. Allilùia.
Opistavon
O Madh'in'Zot, më i lart se çëdo lartësì, Ti deshe të duroje të ishe lartësuar me kurmin mbi Krikjën sa me të ndejturit e Krahëvet t'atë të rrnarie gjithënjerì tek Ti.TI, Perëndì, i lartësuar në' dhe përpara gjithë popujitsi krahu i lart i të lartit At e i lëvduar me flijë lëvdimi, paj të lartësurit e të shtrejtes Krikje s'ate lirove naturën t' ënë çë u kishë përujurë njera në Pisë, e lirove nga krenìa e diejvet e i dhe mundien mbi mortien e shpale lirimin e 'saj nga nëma e parë.Mos përbuzë nanì, o i Madh'in'Zot, parkalesitë t'ona me të çilat të kemi lipur e po të lipiëm lipisin t'ënde. Si i dhëmbëshëm kij lipisì për ne çë nderojëm të sbluarit e të përmisurit e Krikjes shejte. Kloft Ajò për ne ndihmë e fortë kuntra sulmëvet të drangonjëvet shpirtullorë çë na duanë shpirtin.
Me Krikjen ëna neve shëndetën si ja dhe të bijëvet e Israelit çë kishën klënë zënë nga ajet e gjalpërvet si të  vërrejënë gjalpërin brunzi çë Moiseu kishë ngrëjtur mbi shkopin. Laj çëdo mëkatë çë do t'ngrëhet kuntra neve e ngre shtuara gjithë atà ndër nesh çë kemi rarë te mëkata. E Kjiveritarëvet çë mburren mbi Krikjen t'ënde ujë posht çëdò kriengritje e të huajvet e drëmò çëdò krah të armikjëvet e çëdò lartësim të tiranëvet shuaje. E si kle mundur Ameliku me shengun e Krikjes te të ndejturit e krahevet të Moiseut, keshtù shprishë çëdò fukjì çë ngrëhet kundra Klishës e çëdò të ngrëhet kundra të njohurit Tij. Mbill çëdò gojë çë mahkon kundra teje. Ndritë çëdò zëmbër çë ka klënë erresuarë nga paditurìa. Llargar nga mendia jonë çëdò mendime çë na ndajën ngah Ti, sa na tue pasur mendien t'ënë të ngrëjturë nga mendime kjielli çë të lumërojën, të arrëjëm tek e përheshmia, e pasosmia dhe e vërteta ngrëhie çë i nget atireve çë kuloturë gjithëmonë ngah Ti, do të

mercoledì 31 agosto 2016


1˚ SETTEMBRE 
Inizio dell’Indizione, cioè del nuovo anno, e memoria del nostro santo padre Simeone stilita (459); inoltre, celebrazione della Santissima Madre-di-Dio del monastero dei Miaseni, del santo martire Aeitala (355), delle sante 40 donne (312) e di Ammone diacono, loro maestro; memoria dei santi martiri Callista, Evodio e Ermogene, fratelli (303-304); memoria di Gesú figlio di Nave e commemorazione del grande incendio (461).
VESPRO
Si salmeggia la prima stasi di Beato l’uomo (ss. 1-3). Al Signore, ho gridato, 10 stichi con 3 stichirà dell’In¬di¬zione, 3 prosómia del santo, e, ancora per il santo, 4 idiómela.
Dell’Indizione. Tono 1. Esultanza delle schiere celesti.
Appresa la preghiera dal divino insegnamento * a noi impartito da Cristo stesso, * gridiamo ogni giorno al Creatore: * Padre nostro, che dimori nei cieli, * donaci il pane quotidiano, * senza far conto delle nostre colpe˚.
Come un tempo furono giustamente * disseminati nel deserto * i cadaveri degli ebrei * che si erano ribellati a te, Sovrano dell’universo˚, * cosí anche ora disperdi presso l’ade, o Cristo,le ossa degli agareni empi e infedeli, * come dice il salmo˚.
Tu che un tempo sul monte Sinai * hai scritto le tavole della Legge˚, * tu stesso, nella carne, * hai ricevuto a Nazaret * un libro profetico da leggere, * o Cristo Dio, * e apertolo insegnavi ai popoli * che in te si era compiuta la Scrittura˚.
Stichirá prosómia, del santo.
Tono pl. 1. Padre santo. Aftómelon.
Padre santo, * hai trovato una bella scala * con la quale sei salito nelle altezze, * come la trovò Elia nel carro di fuoco˚: * ma egli non lasciò ad altri quella via di ascesa, * mentre tu, dopo la morte, * hai ancora la tua colonna. * Uomo celeste, * angelo terrestre, * astro insonne della terra, * Simeone santo, * intercedi per la salvezza delle anime nostre.
Padre santo, * se la colonna potesse parlare, * non cesserebbe di proclamare le tue pene, * le tue fatiche, i tuoi gemiti; * sí, essa che ti sosteneva, veniva in realtà sostenuta, * come albero impinguato dalle tue lacrime; * sbigottirono gli angeli, * stupirono gli uomini, * ebbero timore i demoni * per la tua pazienza. * Simeone santo, * intercedi per la salvezza del¬le anime nostre.
Padre santo, * imitando il tuo Sovrano * per la potenza del divino Spirito, * sei salito sulla colonna come sulla croce: * egli ha cancellato l’attestazione scritta * delle colpe di tutti˚, * tu invece hai messo fine all’insorgere delle passioni; * egli come pecora˚, * e tu come vittima; * egli sulla croce, * e tu sulla colonna.Simeone santo,intercedi per la salvezza delle anime nostre.
Ancora 4 stichirà del santo, idiómela. Tono 2.
Da radice buona * è nato un buon frutto, * Simeone, sin dall’infanzia santo, * nutrito piú di grazia che di latte; * sollevato il corpo sulla pietra˚, * ed elevata la mente sino a Dio, * si costruí con le virtú un’eterea dimora, * e vo¬lan¬do nelle altezze insieme alle divine schiere, * divenne tabernacolo del Cristo Dio, * Salvatore delle anime nostre.
Rimane nei secoli la tua memoria, * santo padre Simeone, * e la mitezza del tuo cuore,o servo beato, * poiché anche se tra di noi te ne sei andato, * o buon pastore, * non ti sei separato da noi con lo spirito, tenendoti davanti a Dio con amore * e unendoti ai cori degli angeli nei cieli:insieme a loro supplica * per la salvezza delle anime nostre.
Stesso tono. Di Cipriano.
L’urna delle tue reliquie, * padre degno di ogni lode, * fa scaturire guarigioni; * e la tua santa anima, unita agli angeli, * giustamente esulta. * Poiché dunque hai famigliarità col Signo¬re, * o santo, * e con gli incorporei fai co¬ro nei cieli, * supplicalo per la salvezza delle anime nostre.
Stesso tono. Di Germano.
Hai amato, o teòforo, la celeste filosofia, * sei uscito dal mondo * per vivere al di sopra delle realtà visibili, * e sei divenuto divino specchio di Dio senza macchia; * sempre unito alla luce, * aggiungevi luce a luce, * e piú luminosa avesti in sorte la beata fine:intercedi per le anime nostre, sapiente Simeone.
Gloria. Del santo. Tono pl. 2. Di Germano.
La divina grazia aleggia sull’urna delle tue reliquie Simeone consacrato:per questo all’odore del profumo dei tuoi prodigi noi correremo,per attingere la guarigione dei nostri mali. * Padre santo, * supplica dunque il Cristo Dioper le anime nostre.
Ora e sempre. Dell’Indizione. Stesso tono. Di Byzantios. 
Tu, congiunto al santo Spirito, * Verbo senza principio e Figlio, * con lui creatore e artefice di tutte le cose visibili e invisibili,benedici la corona dell’anno˚,custodendo nella pace i popoli di retta fede, * per intercessione della Madre-di-Dio * e di tutti i tuoi santi.
Ingresso, Luce gioiosa, il prokímenon del giorno e le letture.
Lettura della profezia di Isaia (61,1-10).
Lo Spirito del Signore è su di me, poiché egli mi ha unto; mi ha inviato a evangelizzare i poveri, a sanare i contriti di cuore, ad annunciare ai prigionieri la liberazione e ai ciechi la vista, a proclamare l’anno accetto del Signore, e il giorno della retribuzione per il nostro Dio; a consolare tutti quelli che sono in lutto, a dare a quelli che fanno lutto su Sion gioia invece di cenere, unzione di allegrezza per quelli che fanno lutto, abito di gloria invece di spirito abbattuto; e si chiameranno generazione di giustizia, piantagione del Signore a sua gloria. Ed edificheranno i deserti antichi, rialzeranno luoghi prima desolati e rinnoveranno città deserte, desolate da generazioni e generazioni. E verranno stranieri a pascolare le tue pecore, estranei saranno tuoi aratori e vignaioli. Voi sarete chiamati sacerdoti del Signore, ministri del vostro Dio. Vi si dirà: Mangerete il vigore delle genti, e sarete ammirati per la loro ricchezza. In cambio della vostra duplice vergogna e della confusione, tripudierà la loro parte. Perciò erediteranno una seconda volta la loro terra, e letizia eterna sarà sul loro capo. Perché io sono il Signore che ama la giustizia e odia le inique rapine: darò ai giusti il compenso della loro fatica, e stabilirò con loro un patto eterno. Sarà nota tra le genti la loro discendenza, e la loro prole in mezzo ai popoli: chi li vedrà riconoscerà che essi sono la discendenza benedetta da Dio nei secoli, e essi si allieteranno gioiosi nel Signore.
Lettura del libro del Levitico (dal cap. 26).
Il Signore parlò ai figli d’Israele, dicendo: Se camminerete secondo i miei precetti e osserverete i miei comandamenti e li metterete in pratica, io darò la pioggia a suo tempo e la terra darà i suoi prodotti e gli alberi dei campi daranno i loro frutti. Il tempo della trebbiatura si congiungerà per voi a quello della vendemmia, e quello della vendemmia a quello della semina. Mangerete a sazietà il vostro pane, abiterete con sicurezza nella vostra terra e non ci sarà chi vi spaventi. Distruggerò le belve dalla vostra terra e la guerra non attraverserà la vostra terra; i vostri nemici cadranno davanti a voi e cinque di voi ne inseguiranno cento, e cento di voi ne inseguiranno decine di migliaia. Io volgerò lo sguardo su di voi e vi benedirò, vi farò crescere e vi mol¬tiplicherò e stabilirò con voi il mio patto. Mangerete i pro¬dotti vecchi e quelli piú vecchi ancora e porterete via quel¬li vecchi per far posto ai nuovi. La mia anima non vi a¬vrà in orrore, camminerò tra voi e sarò il vostro Dio e voi sarete il mio popolo.
Ma se non mi ascolterete e non metterete in pratica questi miei precetti e vi ribellerete ad essi e la vostra anima prenderà in orrore i miei giudizi, cosí da non mettere in pratica tutti i miei comandamenti, io a mia volta farò con voi cosí: farò venire su di voi la penuria, seminerete invano i vostri semi, e i vostri avversari mangeranno le vostre fatiche. Porrò il mio volto contro di voi e cadrete davanti ai vostri nemici, vi inseguiranno e fuggirete senza che nessuno vi insegua. Spezzerò l’alterigia della vostra superbia; renderò per voi il cielo come ferro, e la terra come bronzo.
Vana sarà la vostra forza, e la vostra terra non darà il suo seme e gli alberi del campo non daranno il loro frutto. Manderò contro di voi le belve selvagge della terra che distruggeranno il vostro bestiame, e passerà la spada e vi ridurrà in pochi. La vostra terra sarà deserta e le vostre abitazioni saranno deserte: se avrete camminato opponendovi a me, anch’io procederò contro di voi con animo ostile, dice il Signore Dio, il santo d’Israele. 
Lettura del libro della Sapienza di Salomone (4,7-15).
Il giusto, quand’anche giunga a morire, sarà nel riposo: poiché vecchiaia venerabile non è quella di un lungo tempo di vita, né si misura col numero degli anni. Ma la pru¬denza equivale per gli uomini alla canizie, e età avanzata è una vita senza macchia. Divenuto gradito a Dio, è stato da lui amato, e poiché viveva tra peccatori, è stato trasferito. È stato rapito perché la malizia non alterasse la sua intelli¬genza e l’inganno non sviasse la sua anima. Poiché il cattivo fascino del male oscura il bene, e l’agitarsi della concupiscenza guasta la mente innocente. Reso in breve perfetto, ha portato a termine un lungo corso: la sua anima era infatti gradita al Signore, per questo si è affrettato a toglierlo di mezzo alla malvagità. I popoli hanno visto ma non hanno compreso, né hanno posto mente a que¬sto fatto: che grazia e misericordia sono con i suoi santi, ed egli visita i suoi eletti.
Allo stico, stichirá idiómela dell’Indizione.
Tono 1. Di Giovanni monaco.
È giunto l’inizio dell’anno,e ci invita ad onorare coloro che lo illustrano,i fratelli lottatori Callista, Evodio ed Ermogene; Simeone pari agli angeli; Gesú figlio di Nave; i sette fanciulli di Efeso; * il coro quaranta volte risplendente delle sante donne:unendoci alla loro memoria, * o amici di questa festa, * gridiamo con fervore: * Signore, benedici le opere delle tue mani, * e concedici di passare utilmente il ciclo dell’anno.
Stico: A te si addice l’inno, o Dio, in Sion, e a te si renderà il voto in Gerusalemme.
Cristo Dio nostro,che hai creato l’universo con sapienza˚, * e dal nulla lo hai tratto all’essere˚,benedici la corona del¬l’anno˚, * e custodisci libera da assedio la nostra città;rallegra con la tua potenza * i nostri re fedeli˚, * concedendo loro vittoria contro gli avversari, * donando al mondo la grande misericordia˚, * per la mediazione della Madre-di-Dio.
Stico: Ci sazieremo dei beni della tua casa: santo è il tuo tem¬pio, mirabile nella giustizia.
Tono 2. Di Cipriano.
Mirabile sei, o Dio, * mirabili le tue opere, * e imperscrutabili le tue vie: * sei sapienza di Dio˚, * ipòstasi perfetta e potenza,sinergía coeterna, con lui senza principio; * tu dunque, con onnipotente potestà * sei venuto nel mondo, * ineffabilmente nato da Madre ignara d’uomo, * senza mutamento nella Divinità, * per cercare la creatura che avevi fatta bella, * disponendo termini e tempi a nostra salvezza˚, * o immutabile; * per questo a te acclamiamo: * Signore buono, gloria a te.
Stico: Benedici la corona dell’anno della tua beni¬gnità, Signore.
Stesso tono. Di Giovanni monaco.
Tu che hai creato l’universo con sapienza˚,Verbo del Padre che sei prima dei secoli,e formato tutta la creazione con la tua parola onnipotente˚,benedici la corona dell’anno della tua benignità˚,e, con la mediazione della Madre-di-Dio,distruggi le eresie,nella tua bontà e nel tuo amore per gli uomini.
Gloria. Del santo. Tono pl. 1.
Padre santo, * hai trovato una bella scala * con la quale sei salito nelle altezze, * come la trovò Elia nel carro di fuoco˚: * ma egli non lasciò ad altri quella via di ascesa, * mentre tu, do¬po la morte, * hai ancora la tua colonna. * Uomo celeste, * angelo terrestre, * astro insonne della terra, * Simeone santo, * intercedi per la salvezza delle anime nostre.
Ora e sempre. Dell’Indizione. 
Stesso tono. Di Giovanni monaco.
Tu, o Re, * tu che sei e rimani * per i secoli senza fine, * ricevi la preghiera dei peccatori che chiedono salvezza, * e concedi, o amico degli uomini, * fertilità alla tua terra, * donando climi temperati; * combatti insieme al nostro fede¬lissimo re * contro i barbari atei, * come facesti un tempo con Davide: * poiché sono venuti nelle tue dimore * e hanno con¬taminato il luogo santissimo, o Salvatore˚; * ma tu dona vittoria, o Cristo Dio, * per l’intercessione della Madre-di-Dio: * perché tu sei vittoria e vanto degli ortodossi.
Apolytíkion dell’Indizione. Tono 2.
Artefice di tutto il creato, * che hai posto in tuo potere tempi e momenti˚, * benedici la corona dell’anno * della tua benignità, Signore˚, * custodendo nella pace i tuoi re e la tua città, * per intercessione della Madre-di-Dio: * e salvaci. 
Gloria. Del santo. Tono 1.
Sei divenuto colonna di pazienza, * emulando i progenitori, o santo: * Giobbe nei patimenti, * Giuseppe nelle tentazioni, * e il modo di vita degli incorporei, * pur essendo in un corpo.Simeone, santo padre nostro, * intercedi presso il Cristo Dio * per la salvezza delle anime nostre.
Ora e sempre. Della Madre-di-Dio. Tono grave.
Gioisci, piena di grazia˚, * Vergine Madre-di-Dio, porto e protezione del genere umano: * da te infatti si è incarnato il Redentore del mondo, * e tu sola sei madre e vergine, * sempre benedetta e glorificata: * intercedi presso il Cristo Dio * perché doni pace a tutta la terra.

lunedì 15 agosto 2016


IN QUESTO GIORNO SOLENNE 
CHE 

LA CHIESA fa memoria 

dell’augusto transito della gloriosissima Sovrana nostra, 

la Madre-di-Dio e sempre Vergine Maria. 

Assicuro la mia semplice preghiera per voi tutti 

alla MADRE DI DIO 

che Vive per sempre nei cuori degli amici del Figlio Gesù Cristo

Oggi più che mai abbiamo bisogno dell'Intercessione della 

Madre di Dio poniamo davanti alla Tomba della Santissima 

Madre di Dio le nostre paure,incertezze,attese,necessità 

della fragile e debole umanità.

BUONA FESTA A VOI TUTTI 

P.Nino

domenica 14 agosto 2016

AVVISO

DOMENICA 14 AGOSTO 2016
ALLE ORE 18,30 
VESPRO IN ONORE 
DELLA 
DORMIZIONE  DELLA MADRE DI DIO 

NELLA CHIESA M.SS.ODIGITRIA IN P.ZZA V.EMMANUELE

ALLE ORE 21,30 

AKATHISTOS DELLA DORMIZIONE 

DELLA MADRE DI DIO 

NELLA CHIESA M.SS.ODIGITRIA TE MALI.


sabato 6 agosto 2016


A nome del Vescovo Mons.Giorgio Demetrio Gallaro, 


Si comunica che oggi 06.08.2016 
Mons. Ercole Lupinacci vescovo emerito 
dell'Eparchia di Piana degli Albanesi,
 nel giorno del suo XXXV anniversario di Consacrazione Episcopale, 
si è addormentato nel riposo eterno del Signore.

I funerali saranno celebrati nella Cattedrale di Lungro.

Accompagniamo l'anima del nostro Fratello con la preghiera e con il ricordo nelle Celebrazioni Liturgiche di domani.


Eterna sia la sua memoria!

OGGI 6 AGOSTO 2016 SI E' ADDORMENTATO NEL SIGNORE


IL NOSTRO VESCOVO EMERITO 

MONS.ERCOLE LUPINACCI


 LO RICORDIAMO SEMPRE CON STIMA E AFFETTO.

Il SIGNORE DONI IL PREMIO ETERNO AL SERVO FEDELE E OPEROSO .



                                       PREGHIERA PER UN VESCOVO  DEFUNTO



Të haristisiëm, o i Madh’in’Zot , pse t’atë isht të rruarit pa vdekjie, për lëvdia jote isht e pandëlguashme e dashuria jote për njeriun e parrëfieshme e rregjëria jote ngë i shkon njeriu e Ti ngë i merr anën njeriu ! Ti urdhurove se kur të mbaronën kjëroin e gjellës, gjithë njerëzit të vdesiën.
Andai Të parkalesiëm , o i Madh’in’Zot , se ki shërbëtor jiti e vëlla jini Mons. Ercole i çili na kle shok te priftëria e pati besën tek Ti dhe e rrëfiejti gjithëmonë e drejtë dhe e pakjërtuame e u kjëllua gjumi me shpresën e të ngjallurit e jetës s’pasosme, të prëhet në gji t’Abramit , Isakut dhe Jakobit.
E si në dhe , te Klisha jote e vure Prift te shërbesa e shejte , kështù le të marrënjë piesë te Theroria jote e kjiellit. Mbi njerëzit Ti e stolise me një stoli shpirtullore , mbi ëngjëjitë e lëvdis s’ate Ti përite mirë i padhënuam. Ti i dhe lëvdi gjellës s’tij mbi dhe, ti nani bëj sa ai te hinjë e t’ujet në mes të Shejtravet t’atë tue e nëmëruar shpirtin e’tij me gjithë ata çë moti tij pëlkjieshmë.
Se Ti je ngjallia , gjella e prëhia e të ndëjemitë shërbëtorë jiti e vëlla jini Mons.ERCOLE, o Krisht Perëndia jinë e na të japiëm lëvdi tij, bashkë me Atin t’ënt të pazënëfill e bashkë me gjithë shejtin e të mirë e gjellëdhënës Shpirt t’ënt , nani e per gjithëmone e për jetë te jetëvet.
Pop. Amin.


Ti ringraziamo,o Signore Dio nostro, perchè a te appartiene l’immortalità,la tua gloria è incomprensibile e il tuo amore per gli uomini è indescrivibile,il tuo regno è al di sopra di tutti.
Tu stabilisti che quanto il ciclo della vita è concluso ogni uomo muoia.
Ecco ti preghiamo, o Signore Dio nostro, che se questo nostro fratello nel sacerdozio Mons.ERCOLE ,ha avuto fede in te e l’ha testimoniata sempre integra e irreprensibile, adesso si è addormentato nella speranza della risurrezione nella vita eterna, concedi il riposo eterno nel seno di Abramo, Isacco e Giacobbe.
E come in terra, nella tua Chiesa l’hai costituito sacerdote per le cose sante,concedi che prenda parte alla tua mensa eterna. Fra gli uomini lo hai posto con una stola spirituale, adesso annoveralo fra gli angeli e nella tua gloria purificato.
Poiché tu sei la risurrezione, la vita e il riposo del tuo servo Mons.ERCOLE , che si è addormentato ,o Cristo Dio nostro, a te rendiamo gloria, insieme al Padre tuo senza principio e al santissimo buono e vivificante tuo Spirito,ora e sempre e nei secoli dei secoli.
Pop.Amin















venerdì 5 agosto 2016

                                                             AVVISO



 Come sapete, il 4 settembre p.v. il Santo Padre Francesco proclamerà Santa Madre Teresa di Calcutta.
La nostra Eparchia, visto il legame che ci unisce alla Santa Albanese, intende partecipare organizzando un pellegrinaggio a Roma in modo da poter permettere ai nostri fedeli di vivere da vicino questo importante momento.
Si pone, dunque, alla vostra attenzione (in allegato) il programma del pellegrinaggio da far conoscere e divulgare nelle parrocchie ai fedeli della nostra Eparchia.
Se qualcuno fosse interessato o per maggiori informazioni può contattare direttamente l'agenzia al numero tel. 091 487288
oppure rivolgersi al numero della segreteria 3314691420.

Segreteria del Vescovo di Piana Cordiali saluti in Cristo.

ALLEGATO
Piazza Indipendenza, 41 – Palermo – tel. 091 487288 – info@viaggiamoinsieme.com
Gruppo PIANA DEGLI ALBANESI
Canonizzazione di MADRE TERESA DI CALCUTTA
COMBINAZIONE NAVE A/R DAL 2 AL 6/9
02/09/2016 – Venerdì PALERMO
Alle ore 18,30 appuntamento dei partecipanti al porto di Palermo sottobordo nave TIRRENIA. Incontro con il ns. assistente. Disbrigo delle formalità d'imbarco e sistemazione nelle cabine riservate di 1^ classe. Partenza per Napoli alle ore 20,15. Pernottamento a bordo.
03/09/2016 - Sabato – NAPOLI / ROMA
Arrivo al porto di Napoli alle ore 06,30 circa. Sistemazione in pullman e partenza per Roma . Visita San Giovanni in Laterano, della Basilica e della Scala Santa. Formula d'ingresso alla Porta Santa del Giubileo della Misericordia. Pranzo in ristorante . Nel pomeriggio, visita della Basilica di San Pietro in Vaticano . Trasferimento in hotel. Sistemazione nelle camere riservate. Cena. Pernottamento.
04/09/2016 – Domenica VATICANO (Canonizzazione MADRE TERESA )
Prima colazione in hotel. Sistemazione in pullman e trasferimento in Piazza San Pietro per assistere alla canonizzazione di MADRE TERESA DI CALCUTTA . Pranzo libero. Rientro in hotel. Cena in hotel . Serata a disposizione. Pernottamento.
05/09/2016 - Martedì – ROMA / NAPOLI/ PALERMO
Prima colazione in hotel. Sistemazione in pullman e partenza per Tivoli. Visita del parco e della Villa d’Este con le Fontane . Pranzo in ristorante. Trasferimento a Napoli e imbarco sulla nave per Palermo . Pernottamento
06/09/2016 - Mercoledì – PALERMO
Arrivo a Palermo alle ore 06,30 e sbarco. Fine dei nostri servizi
Quota di partecipazione P.P. in camera doppia € 386,00
(base 30 paganti)
Suppl. singola in hotel € 70
3° letto adulto riduzione -€ 20
3° letto bambino 4-12 anni n.c. -€ 50
Supplemento in nave: doppia uso singola o quadrupla uso tripla € 75 a cabina a/r
Supplemento sistemazione in cabina esterna € 15 per persona a/r
La quota comprende:
-viaggio in nave Palermo/Napoli/Palermo in cabine doppie interne e quadruple interne di 1^ classe
-trasferimenti, visite ed escursioni in programma con pullman G.T. da Napoli a Napoli
- sistemazione in hotel 4 **** zona via Aurelia a pochi minuti dal Vaticano, in camere doppie con servizi privati;
-trattamento di pensione completa con pasti come da programma e menù unici per tutti;
-bevande incluse ai pasti: ¼ di vino e ½ minerale per persona;
-IVA, tasse e percentuali di servizio;
-assicurazione medico no-stop + bagaglio.
La quota non comprende:
Eventuali tasse comunali di soggiorno obbligatorie da versare in hotel.
Pasti sulla nave, mance, ingressi, facchinaggi, extra in genere e tutto quanto non espressamente indicato nella voce: “Le quote comprendono”.

domenica 31 luglio 2016



AVVISO

DOMANI 1° AGOSTO 2016 

INIZIO DELLA QUINDICINA 

IN PREPARAZIONE DELLA 

FESTA DELLA 

MADRE DI DIO -KOIMISIS-(DORMITIO) 

DEL 15 AGOSTO :

NELLA CHIESA DELL'ODIGITRIA TE MALI :

DIVINA LITURGIA ALLE ORE 06,00.

NELLA CHIESA DELL'ODIGITRIA IN P.ZZA 

V.EMMANULE ore 18,30 :

CANTO DELL'UFFICIO DELLA 

PARAKLISI IN ONORE DELLA MADRE DI DIO.

Santissima Madre di Dio, salvaci. 

Iperaghìa Theotòke, sòson imàs.

Gjithëshejtja Mëm’e t’yn’Zoti, shpëtona ti.

giovedì 21 luglio 2016


Con gioia attendiamo l'arrivo del nuovo testo

della

Vita del Servo di Padre Giorgio Guzzetta (1682-1756)


curato da Don Mario Torcivia

e


pubblicato dalla VELAR






.L'apostolo degli italo-albanesi di Sicilia

Padre Giorgio Guzzetta
                                                L’apostolo degli italo-albanesi di Sicilia
Le pagine di questo testo mirano a presentare una figura ancora da pochi conosciuta ma tanto cara ai membri delle chiese italo-albanesi di tradizione greco-bizantina presenti in Italia. Parliamo del Servo di Dio Padre Giorgio Guzzetta (1682-1756), prete siciliano appartenuto alla Congregazione dell’Oratorio (padri Filippini), che si adoperò instancabilmente per la propria tradizione orientale, realizzando delle opere – quali il Seminario greco-albanese di Palermo – che tanto contribuirono alla salvaguardia e alla valorizzazione dell’identità propria delle comunità italo-albanesi.

lunedì 27 giugno 2016


OGGI IL PRIMO ANNIVERSARIO 

DELLA CHIROTONIA EPISCOPALE 

DEL 

NOSTRO VESCOVO GIORGIO DEMETRIO GALLARO 

GRATI 

AL SIGNORE PER AVERCI DONATO 

IL NOSTRO PASTORE 


CHE LO CUSTODISCA IN SALUTE E SANTITA' 

NELLA GUIDA DELLA NOSTRA DIOCESI .

IS POLA ETI DESPOTA

domenica 15 maggio 2016




15 MAGGIO 2016 
DOMENICA DI PENTECOSTE
VESPRO E UFFICIO DELLA GENUFLESSIONE



Ufficio del vespro delle feste, p. 101.
Dopo il salmo introduttivo, grande colletta fatta dal diacono, se c’è; se non c’è, viene fatta dal sacerdote. Ad ogni invocazione si risponde col Signore, pietà.
In pace preghiamo il Signore.
Per la pace dall’alto e la salvezza delle anime nostre, preghiamo il Signore.
Per la pace del mondo intero, per la saldezza delle sante Chiese di Dio e l’unione di tutti, preghiamo il Signo¬re.
Per il popolo qui presente che attende la grazia del santo Spirito, preghiamo il Signore.
Per quanti piegano il cuore e le ginocchia davanti al Signore, preghiamo il Signore.
Perché ci sia data la forza di giungere a perfe¬zione in modo a Dio gradito, preghiamo il Signore.
Perché la sua misericordia sia copiosamente mandata su di noi, preghiamo il Signore.

Perché le nostre genuflessioni gli siano accette, come incenso davanti a lui˚, preghiamo il Signore.
Per quanti hanno bisogno del suo aiuto, preghiamo il Signore.
Perché siamo liberati da ogni tribolazione, ira, peri¬colo e angustia, preghiamo il Signore.
Soccorrici... F¬acendo memoria della tutta santa... 
Ekfónisis del sacerdote.
Poiché a te si addice ogni gloria, onore e adorazione˚: al Padre, al Figlio e al santo Spirito, ora e sempre e nei secoli dei secoli. Amen. 
Al Signore, ho gridato, 6 stichi e i 3 seguenti stichirá idió-mela, ripetendoli 2 volte.
Tono 4.
Fatti straordinari hanno veduto oggi * tutte le genti nella città di Davide, * quando lo Spirito santo è disceso in lingue di fuoco, * come ha dichiarato l’ispirato Luca. * Egli dice infatti: * Mentre tutti i discepoli di Cristo * erano riuniti insieme, * ecco un rombo come di vento che soffia impetuoso, * e riempí la casa dove erano seduti; * e tutti cominciarono a parlare della santa Triade * in termini stranieri, * con dogmi e dottrine singolari. 2 volte.
Lo Spirito santo da sempre era, * è e sarà, * perché mai ha avuto un principio, * né mai cesserà di essere, * ma sempre è posto insieme al Padre e al Figlio * e con essi annoverato: * vita e creatore di vita; * luce ed elargito¬re di luce; * buono per essenza, e sorgente di bontà; * per lui è conosciuto il Padre * ed è glorificato il Figlio, * per lui da tutti è riconosciuta * l’unica potenza, l’unica unione, l’unica adorazione * della santa Triade. 2 volte.
Lo Spirito santo * è luce, vita * e viva sorgente spirituale; * Spirito di sapienza, Spirito di intelligenza˚, * buono, retto, intelligente˚, * Spirito che ci guida˚, * e ci purifica dalle colpe; * Dio e deificante; * fuoco che procede dal fuoco, * Spirito che parla, opera, * e distribuisce i carismi; * Spirito mediante il quale tutti i profeti, * gli apostoli di Dio e i martiri, * sono stati corroborati; * straordinaria novella, * straordinaria visione, * fuoco che si divide * per distribuire carismi.
Gloria. Ora e sempre. Tono pl. 2.
Re celeste, Paraclito, * Spirito della verità˚, * tu che ovunque sei e tutto riempi˚, * tesoro dei beni * ed elargitore di vita, * vieni e poni in noi la tua dimo¬ra, * purificaci da ogni macchia * e salva, o buono, le anime nostre. 
Ingresso con l’incenso. Luce gioiosa.
Prokímenon. Tono grave.
Qual Dio è grande come il nostro Dio? Tu sei il Dio che, solo, compie meraviglie.
Stico: Hai fatto conoscere fra i popoli la tua potenza.
Stico: E ho detto: Ora ho cominciato, questo è il mutamento della destra dell’Altissimo.
Stico: Ho ricordato le opere del Signore: sí, ricorderò dal principio le tue meraviglie. 
Poi il diacono dice:
Ancora e ancora, piegando le ginocchia, preghiamo il Signore.
Mentre tutti si inginocchiano in terra a capo scoperto, il sacerdote, dal santuario, legge le preghiere ad alta voce, in modo da farsi sentire da tutti.
Immacolato, incontaminato, senza principio, invisibile incomprensibile, imperscrutabile, immutabile, insuperabile, incommensurabile, paziente Signore: tu che solo possiedi l’immortalità e abiti la luce inaccessibile˚; tu che hai fatto il cielo, la terra e il mare e tutte le opere che sono in essi; tu che adempi le preghiere di tutti prima che siano formulate: noi ti preghiamo e ti supplichiamo, o Sovrano amico degli uomini, Padre del Signore, Dio e Salvatore nostro Gesú Cristo, che per noi uomini e per la nostra salvezza è disceso dai cieli, si è incarnato per virtú dello Spirito santo da Maria, la sempre Vergine e gloriosa Madre-di-Dio; egli, insegnando prima con le parole, e dimostrandolo poi con le opere, quando si sottopose alla passione salvifica, lasciò un esempio˚ a noi miseri, peccatori e indegni servi suoi, perché offrissimo suppliche, piegando il collo e le ginocchia, per i nostri peccati e per i peccati di ignoranza del popolo.
Tu dunque, misericordiosissimo e amico degli uomini, ascoltaci nel giorno in cui ti invochiamo˚, particolarmente in questo giorno di pentecoste, nel quale, il Signore nostro Gesú Cristo, dopo essere asceso ai cieli ed essersi assiso alla destra di Dio Padre, ha mandato il santo Spirito sui suoi santi disce¬poli e apostoli. Ed egli si è posato su ciascuno di loro e li ha riempiti tutti della sua grazia inesauribile, ed essi hanno cominciato a proclamare in altre lingue le meraviglie di Dio e a profetare. Or dunque, noi ti preghiamo, ascoltaci, e ricòrdati di noi miseri e colpevoli, e fa’ tornare dalla prigionia le anime nostre˚, perché intercede per noi la tua stessa compassione. Accoglici, mentre ci prostriamo e gridiamo: Abbiamo peccato. Su te siamo stati gettati sin dal grembo, dal seno di nostra madre, Dio nostro tu sei˚: ma sono venuti meno nella vanità i nostri giorni˚, siamo stati spogliati del tuo aiuto, siamo privi di ogni scusa.
Confidando tuttavia nella tua pietà, noi gridiamo: Il peccato della nostra giovinezza e le nostre ignoranze non ricordare˚, e purificaci dalle nostre colpe nascoste˚; non respingerci nel tempo della vecchiaia, al venir meno della nostra forza, non ci abbandonare˚; prima di farci tornare alla terra, dacci di convertirci a te, e guardaci con benevolenza e grazia. Misura le nostre iniquità col metro della tua pietà; opponi l’abisso della tua multiforme pietà alla moltitudine delle nostre colpe. Guarda, Signore, dall’alto del tuo santua¬rio˚ sul tuo popolo che ti circonda e attende da te la tua copiosa misericordia: visita¬ci nella tua benevo¬lenza; libera¬ci dalla tirannia del diavo¬lo; rendi sicura la nostra vita con le tue sante e sacre leggi. Affida il tuo popolo a un fedele angelo custode; raccoglici tutti nel tuo regno; dona il perdono a quanti sperano in te; condona a loro e a noi i peccati; purificaci con l’operazio¬ne del tuo santo Spirito; sventa le macchinazio¬ni del nemico contro di noi. 
Aggiunge anche la seguente preghiera:
Benedetto sei Signore, Sovrano onnipotente, che hai illuminato il giorno con la luce del sole, e hai rischiarato la notte con i bagliori del fuoco: tu che ci hai concesso di percorrere tutta la giornata e di avvicinarci all’inizio della notte, ascolta la nostra supplica e quella di tutto il tuo popolo e perdona a noi tutti i peccati volontari e invo-lontari; accogli le nostre preghiere vespertine e manda copiosa la tua misericordia e la tua compassione sulla tua eredità. Circondaci come di un baluardo dei tuoi santi angeli, armaci con le armi della tua giustizia˚, tienici nella roccaforte della tua verità, custodiscici con la tua potenza, liberaci da ogni sventura e da ogni assalto dell’av¬versario. Concedi che anche questa sera, con la notte che sopraggiunge, sia perfetta, santa, pacifica, senza peccato, senza inciampo, libera da fantasie notturne, e cosí tutti i giorni della nostra vita: per l’intercessione della santa Madre-di-Dio e di tutti i santi che in tutti i tempi ti sono stati graditi. 
Diacono:
Soccorrici, salvaci, abbi pietà di noi, rialzaci e custodiscici, o Dio, con la tua grazia.
Facendo memoria della santissima,...
Ekfónisis del sacerdote:
Poiché tuo è l’avere misericordia e salvarci...
Diacono:
Diciamo tutti con tutta l’anima... (p. 116).
Ekfónisis del sacerdote:
Poiché tu sei Dio misericordioso e amico degli uomini...
Diacono:
Ancora e ancora, piegando le ginocchia, preghiamo il Signore. 
E il sacerdote dice la preghiera:
Signore Gesú Cristo, Dio nostro, tu hai dato agli uomini la tua pace˚ e, continuando ad essere presente a noi e alla nostra vita, sempre elargisci ai fedeli il dono del tuo santissimo Spirito, in vista di un’eredità inalienabile. Oggi hai mandato sui tuoi apostoli questa grazia in modo piú manifesto e hai temprato le loro labbra con lingue di fuoco, grazie alle quali noi tutti, da ogni stirpe umana, accogliendo con l’udito - ciascuno nella propria lingua - la conoscenza di Dio, siamo stati illuminati dalla luce dello Spirito, e siamo stati liberati dall’errore come da una tenebra. Grazie al dono delle lingue sensibili e ignee, e all’operazione soprannaturale, siamo stati ammaestrati a credere in te, e siamo stati illuminati per proclamare la tua divinità, insieme al Padre e al santo Spirito, in una sola divinità, potenza e potestà. Tu dunque, irradiazione del Padre, impronta della sostanza e dalla natura di lui˚, impronta immutabile e di perfetta somiglianza, sorgente della sapienza e della grazia, apri anche le mie labbra di peccato¬re, e insegnami come bisogna pregare e per che cosa. Tu infatti conosci la grande moltitudine dei miei peccati, ma le tue viscere di misericordia ne supereranno il numero smisurato, perché, ecco, io mi presento a te con timore, gettando nell’oceano della tua misericordia la disperazione della mia anima.
Governa la mia vita, tu che con potenza governi tutto il creato con un’ineffabi¬le parola di sapienza, tu, porto tranquillo per chi è sbattuto dai marosi, e insegnami la via per la quale camminare. Concedi ai miei pensieri lo Spirito della tua sapienza, donando lo Spirito di intelligenza alla mia stoltezza. Adombra le mie opere con lo Spirito del tuo timore˚, e rinnova nel mio intimo lo Spirito retto˚. Con lo Spirito che guida, rafforza˚ la mia mente vacillante: affin¬ché, guidato ogni giorno al bene dal tuo Spirito buono˚, sia reso degno di adempiere i tuoi comandamenti e di ricor¬darmi sempre del tuo ritorno glorioso, quando esaminerai le nostre azioni. Non permettere che io resti sedotto dalle mollezze corruttibili di questo mondo, ma rendimi capace di bramare il gaudio dei tesori futuri. Tu infatti hai detto, o Sovrano, che qualunque cosa uno chiederà nel tuo nome, la riceverà senza difficoltà da parte di Dio Padre tuo a te coeterno˚. Per questo anch’io peccatore, alla venuta del tuo santo Spirito, prego la tua bontà: Donami a mia salvezza tutto ciò per cui ti ho pregato.
Sí, o Signore, munifico datore buono di ogni energia: tu sei colui che dà molto al di là di quanto chiediamo˚. Tu sei compassionevole, o misericordioso, tu che, senza peccato, sei divenuto partecipe della nostra carne e ti pieghi con ogni tenera compassione su chi piega il ginocchio davanti a te, divenuto propiziazione per i nostri peccati. Da’, Signore, al tuo popolo, la tua multiforme compassione, ascoltaci dal tuo cielo santo˚: santificalo con la potenza della tua destra salvifica; proteggilo all’ombra delle tue ali˚; non disprez¬zare l’opera delle tue mani˚. Contro te solo abbiamo pecca¬to˚, ma a te solo anche rendiamo culto: non conosciamo adorazione di un dio estraneo, né si levano le nostre mani ad altro Dio, o Sovrano. Rimetti a noi le nostre colpe, e, accogliendo le preghiere che ti rivolgiamo in ginocchio, stendi la mano in nostro aiuto. Accetta la preghiera di tutti come incenso gradito, che sale al cospetto della tua regali¬tà˚ piena di benevolenza. 
Aggiunge anche la seguente preghiera:
Signore, Signore, che ci hai liberati da ogni freccia che vola di giorno˚, liberaci anche da tutto ciò che si aggira nelle tenebre˚. Accetta il sacrificio vespertino, le nostre mani a te innalzate˚. Concedici di trascorrere senza macchia questo spazio di riposo notturno, senza sperimentare alcun male, e liberaci da ogni turbamento e paura suscitati dal diavolo contro di noi. Dona alle anime nostre la compunzione, e ai nostri pensieri di preoccuparsi dell’esame che farai nel tremendo e giusto tuo giudizio. Inchioda col tuo timore le nostre carni˚, e mortifica le nostre membra che sono sulla terra˚: affinché anche nella quiete del sonno siamo illuminati dalla contemplazione dei tuoi giudizi. Allontana da noi ogni fantasia sconveniente e ogni dannosa concupiscenza. Destaci per il tempo della preghiera, corroborati nella fede e pronti a progredire nei tuoi decreti. 
Diacono:
Soccorrici, salvaci, abbi pietà di noi, rialzaci e custodiscici, o Dio, con la tua grazia.
Facendo memoria del¬la santissima...
Ekfónisis del sacerdote:
Per la benevolenza e la grazia del tuo unigenito Figlio, col quale sei benedetto, insieme al santissimo, buono e vivificante tuo Spirito, ora e sempre e nei secoli dei secoli.
Segue il Concedici, Signore... (p. 117).
Quindi il diacono dice:
Ancora e ancora, piegando le ginocchia, preghiamo il Signore. 
E il sacerdote dice la preghiera:
O sorgente di vita e di luce, perennemente zampillante, Potenza creatrice coeterna al Padre, tu che hai stupendamente portato a compimento l’intera economia di salvezza per i mortali, o Cristo, Dio nostro: tu hai spezzato i vincoli indissolubili della morte e i catenacci dell’ade, calpestando la moltitudine degli spiriti maligni; tu hai offerto te stesso quale vittima immacolata per noi, dando in sacrificio il tuo purissimo corpo, non toccato da nessun peccato e inaccessibile al peccato, e tramite questa tremenda e inenarrabile azione sacra ci hai gratificati della vita eterna. Tu sei sceso nell’ade infrangendone le sbarre eterne e mostrando la via del ritorno a quanti sedevano nella tenebra; tu hai preso all’amo, con un’esca divinamente sapiente, il cupo drago origine del male˚, lo hai legato nel tartaro con catene di tenebra˚, e lo hai imprigionato nel fuoco in estinguibile e nella tenebra esteriore˚ con la tua forza d’infinita potenza, tu, gloriosa sapienza del Padre. Tu ti mostri grande soccorritore di chi subisce insolenza e illumini quanti siedono nella tenebra e nell’ombra di morte˚, tu, Signore di eterna gloria e Figlio diletto del Padre altissimo, eterna luce da eterna luce; tu, sole di giusti¬zia˚, ascolta le nostre suppliche e da’ riposo alle anime dei tuoi servi, alle anime dei nostri padri e fratelli che già si sono addormenta¬ti, agli altri nostri parenti secondo la carne e a tutti i nostri congiunti secondo la fede, dei quali ora facciamo memoria. Perché in te è il potere su tutti, e tieni in tua mano tutti i confini della terra. Sovrano onnipotente, Dio dei padri e Signore di misericor-dia˚, Creatore della stirpe mortale e immortale e di ogni natura umana che si compone e di nuovo si dissolve, della vita e della morte, del tempo che trascorriamo qui in terra e del nostro transito verso l’aldi¬là, tu misuri i tempi ai viventi e stabilisci il momento della morte, conduci all’ade e ne riconduci˚, ci leghi con l’infermità e ci sciogli col vigore; tu ammini¬stri le cose presenti secondo l’utilità e governi quelle future per il profitto; tu vivifichi con la speranza della risurre¬zione quanti sono colpiti dal pungigli¬one della morte˚.
Tu stesso, Sovrano dell’universo, Dio e Salvatore nostro, speranza di tutti i confini della terra e di quanti sono lontano nel mare˚, tu in questo ultimo, grande e salvi¬fi¬co giorno della pentecoste ci ha mostrato il mistero della santa, consu-stanziale, coeterna, indivisibile e incon¬fusa Triade, e hai effuso, con la sua discesa e la sua presenza, il tuo santo Spirito vivificante, sotto forma di lingue di fuoco, sui tuoi santi apostoli, costituendoli evange¬lizzatori della nostra pia fede, e rendendoli confes¬sori e araldi della vera teologia; tu, in questa conclusi¬va festa di salvezza, ti sei degnato di accogliere le suppli¬che espiatorie per quanti sono trattenuti nell’ade, e ci hai elargito grandi speranze che sia dato ai defunti sollievo dalle pene che li stringono, e refrigerio da parte tua. Esaudisci dunque le preghiere che ti rivolgiamo nella nostra deplo¬re¬vole meschi¬nità: alle anime dei tuoi servi che già si sono addormenta¬ti, da’ riposo in luogo luminoso, in luogo verdeg-gian¬te˚, nel luogo del refri¬gerio˚ da cui sono fuggiti dolore, tristezza e lamen¬to˚, e colloca i loro spiriti nelle tende dei giusti˚, e concedi loro pace e sollievo: poiché non i morti ti lode¬ran¬no, Signore, né quanti sono nell’ade hanno il coraggio di offrir¬ti la lode, ma noi, i viventi˚ ti benedicia¬mo e ti supplichi¬amo, e ti offriamo per le loro anime preghie¬re e sacrifici di propiziazione. 
Aggiunge anche la seguente preghiera:
O Dio grande ed eterno, santo e amico degli uomini, tu che ci hai fatti degni di stare in quest’ora al cospetto della tua inaccessibile gloria per cantare e lodare le tue meravi¬glie, sii propizio a noi, indegni tuoi servi, e concedici la grazia di offrirti con cuore contrito, liberi da distrazioni la dossologia del trisagio e il rendimento di grazie per i grandi doni che ci hai fatto e che sempre ci fai. Ricòrdati, Signore, della nostra debolezza e non permettere che ci perdiamo per le nostre iniquità, ma usa la tua grande miseri¬cordia con la nostra piccolezza: affinché noi, fuggendo il buio del peccato, camminiamo nel giorno della giustizia e, rivestíti delle armi della luce˚, giungiamo al termine senza essere insidiati da alcuna insolenza del maligno, e con franchezza rendiamo per tutto gloria a te, solo Dio vero e amico degli uomini.
È infatti un tuo mistero in verità davvero grande, o Sovrano di tutti e Creatore, questo temporaneo dissol¬versi delle tue creature, che in seguito di nuovo si ricom¬pongono e in eterno riposano. Per tutto ti rendiamo grazie: per il nostro ingresso in questo mondo e per il nostro esodo da esso, che, in virtú della tua verace promessa, ci induce a sperare la risurrezione e la vita intatta: possiamo noi goder¬ne al tuo secondo futuro avven¬to. Perché tu sei anche l’auto¬re della nostra risurrezione, giudice impar¬ziale e amico degli uomini per ciò che riguarda le azioni della vita, Sovrano e Signore della ricompensa, tu che, similmente a noi, hai partecipato di carne e sangue, nella tua somma condiscendenza, e delle nostre passioni non colpe¬voli, sottomettendoti volontariamente alla tentazione, rivestendoti di viscere di compassione, divenendo spontanea-mente nostro aiuto nelle tentazioni, in forza di ciò che hai soffer¬to venendo tu stesso tentato˚. È cosí che hai condotto anche noi alla tua stessa impassibilità.
Ricevi dunque, o Sovrano, le nostre preghiere e suppli¬che, da’ riposo al padre, alla madre, ai fratelli, alle sorelle e ai figli di ciascuno, e a qualunque altro parente o congiunto, e a tutte le anime che già riposano in attesa della risurrezione per la vita eterna. Colloca i loro spiriti e i loro nomi nel libro della vita˚, nel seno di Abramo˚, di Isacco e di Giacobbe, nella regione dei viventi˚, nel regno dei cieli, nel paradiso di delizie˚, introducendole tutte, tramite i tuoi angeli luminosi, nelle tue sante dimore. Risuscita anche i nostri corpi nel giorno da te stabilito, secondo le tue sante e veraci promesse. Non vi è dunque morte, Signore, per noi tuoi servi alla dipartita dal corpo per venire a te, o Dio: è piuttosto il passaggio dalle soffe¬renze alla dolcezza, alla felicità, un passaggio al riposo e alla gioia.
E se anche abbiamo peccato contro di te, sii propizio tanto a noi quanto a loro: perché nessuno è puro da macchia davanti a te, nemmeno se la sua vita fosse di un giorno˚, perché tu solo sulla terra sei apparso senza peccato˚, o Signore nostro Gesú Cristo, e grazie a te tutti speriamo di ottenere misericordia e remissione dei peccati. Perciò, tu che sei Dio buono e amico degli uomini, condona, assolvi, perdona, a noi e a loro tutte le nostre colpe, volontarie o involontarie, conosciute e sconosciute, manifeste e nascoste, in opere, pensieri o parole, in qualsiasi nostro comportamento e movimento. A quanti ci hanno preceduti dona liberazione e sollievo; a noi qui presenti, da’ la tua benedizione, elargendo a noi e a tutto il tuo popolo una fine buona, nella pace. E alla tua tremenda e terribile venuta, dischiudi per noi viscere di misericordia e di amore per gli uomini, e facci degni del tuo regno. 
Ancora la seguente preghiera:
O Dio grande e altissimo, tu che solo possiedi l’immortalità e abiti la luce inaccessibile˚, che hai fatto tutta la creazione con sapienza˚, che hai separato la luce dalla tenebra˚, che hai posto il sole a dominio del giorno, e la luna e le stelle a dominio della notte˚; tu che anche oggi hai concesso a noi peccatori di accostarci al tuo volto nella confessione˚ e di offrirti la liturgia vespertina; tu stesso, Signore amico degli uomini, dirigi la nostra preghiera come incenso davanti a te˚, e accoglila come soave profumo˚. Concedici una sera e una notte pacifche; rivestici con le armi della luce˚; liberaci dallo spavento notturno e da tutto ciò che si aggira nella tenebra˚. Fa’ che sia libero da ogni fantasia diabolica il sonno che hai donato a ristoro della nostra debolezza; sí, Sovrano di tutte le cose, elargitore di ogni bene, affinché anche sul nostro letto, nella compunzione˚, noi ci ricordiamo nella notte del tuo santissimo nome˚ e, illuminàti dalla meditazione dei tuoi comanda¬menti˚, ci leviamo nell’esultanza dell’anima per glorificare la tua bontà, offrendo preghiere e suppliche alla tua amorosa compassione per i nostri peccati e per quelli di tutto il tuo popolo, che ti chiediamo di voler visitare, nella tua misericordia, per intercessione della santa Madre-di-Dio. 
Diacono:
Soccorrici, salvaci, abbi pietà di noi, rialzaci e custodiscici, o Dio, con la tua grazia.
Facendo memoria della santissima...
Ekfónisis del sacerdote:
Poiché tu sei il riposo della nostra anima e del nostro corpo, e a te rendiamo gloria: al Padre, al Figlio e al santo Spirito, ora e sempre e nei secoli dei secoli.
Diacono:
Completiamo la nostra preghiera vespertina... (p. 118).
Ekfónisis del sacerdote:
Poiché tu sei Dio buono e amico degli uomini...
Pace a tutti.
Tutti: E al tuo spirito.
Diacono:
Chinate il capo davanti al Signore.
Tutti: A te, Signore.
Sacerdote, sottovoce:
Signore Dio nostro, che hai inclinato i cieli e sei sceso˚ a salvezza del genere umano, guarda sui tuoi servi e sulla tua eredità. A te, infatti, Giudice temibile e amico degli uomini, i tuoi servi che hanno chinato il capo e curvato sottomessi la nuca, senza attendere aiuto dagli uomini, ma aspettando la tua misericordia e attendendo la tua salvez¬za˚. Custodiscili in ogni tempo, in questa sera e nella notte che si avvicina, da ogni nemico, da ogni operazio¬ne avversa del diavolo, da ragionamenti vani e da pensieri cattivi. 
Poi ad alta voce:
Sia benedetto e glorificato il potere del tuo regno: del Padre, del Figlio e del santo Spirito, ora e sempre e nei secoli dei secoli. Amen.
Si cantano i 3 prosómia dello stico. Tono 3.
Ecco ora le lingue, * segno manifesto per tutti: * i giudei infatti, * dai quali è il Cristo secondo la carne˚, * sono decaduti dalla divina grazia * perché malati di incredulità, * e noi che proveniamo dalle genti * siamo stati resi degni della divina luce, * confermàti dalle parole dei discepoli * che proclamano la gloria di Dio, benefattore di tutti. * Insieme a loro, anche noi, * piegando cuore e ginocchia, * prostriamoci con fede al Salvatore delle anime nostre, * confermati dal santo Spirito. 
Stico: Un cuore puro crea in me, o Dio, e uno spirito retto rinnova nelle mie viscere.
Ora lo Spirito Paraclito è stato effuso su ogni carne˚:cominciando infatti dal coro degli apostoli, ha esteso ai fedeli la grazia, comunicandola tramite loro.Egli conferma la sua potente venuta * distribuendo ai discepoli le lingue in forma di fiamma,perché pos
sano cantare e glorificare Dio. * Col cuore spiritual¬mente illuminato, * corroborati nella fede dal santo Spirito, * imploriamo per la salvezza delle anime nostre. 
Stico: Non rigettarmi dal tuo volto, e il tuo Spirito santo non togliere da me.
Ora gli apostoli di Cristo * sono rivestiti di potenza dall’alto˚, * perché il Paraclito li rinnova, * rinnovan¬dosi in essi˚ * con mistica novità di scienza: * ed essi, annunciandola in lingue straniere e sublimi, * ci insegnano a render culto * alla natura eterna, semplice e trisiposta¬tica * del Dio benefattore di tutti. * Illuminàti dunque dai loro insegnamenti, * adoriamo il Padre insieme al Figlio e allo Spirito, * implorando per la salvezza delle anime nostre. 
Gloria. Ora e sempre. Tono pl. 4.
Idiómelon. Dell’imperatore Leone.
Venite, popoli, * adoriamo la Deità trisipostatica: * il Figlio nel Padre * insieme al santo Spirito. * Il Padre infatti ha intemporalmente generato * il Figlio coeterno e con lui regnante, * e lo Spirito santo era nel Padre, * glorificato insieme al Figlio; * una sola potenza, una sola sostanza, * una sola divinità * che noi tutti adoriamo dicendo: * Santo Dio, * che tutto hai creato mediante il Figlio, * con la sinergia del santo Spirito; * Santo forte, * per il quale abbiamo conosciuto il Padre * e per il quale lo Spirito santo * è venuto nel mondo; * Santo immortale, * o Spirito Paraclito, * che dal Padre procedi * e nel Figlio riposi. * Triade santa, gloria a te.
Quindi il cantico di Simeone, il trisagio e l’apolytíkion della festa.
Apolytíkion. Tono pl. 4.
Benedetto sei tu, Cristo Dio nostro: * tu hai reso sapientissimi i pescatori, * inviando loro lo Spirito santo˚, * e per mezzo loro * hai preso nella rete l’universo˚. * Amico degli uomini, gloria a te. 3 volte.
Quindi il sacerdote fa il congedo come segue:
Colui che, dal seno del Padre si è annientato, ha assunto la nostra natura, l’ha deificata ed è poi risalito ai cieli, sedendosi alla destra di Dio Padre, e di là ha mandato sui suoi santi discepoli e apostoli lo Spirito divino, santo, consustanziale, di eguale potenza, di eguale gloria, coeterno, e per mezzo suo li ha illuminati, illuminando quindi tramite loro tutta la terra - Cristo, vero Dio nostro, per interces¬sione della tutta pura, tutta immacolata e santa Madre sua, dei santi e gloriosi apostoli pneumatofori e araldi di Dio, degni di ogni lode, e di tutti i santi, abbia pietà di noi e ci salvi per la sua bontà. A-men.